Autoproduzione in cucina: la pasta all'uovo

 

Per me l'autoproduzione è soprattutto un hobby. Spignattare, cucire, restaurare, è ciò che amo fare nel mio tempo libero. Mi rilassa e mi rende felice! 

 

La vita dei miei sogni è in una piccola fattoria, qualche animaletto, un orto, 2-3 bambini che scorrazzano per casa, il marito perfetto (sogno già realizzato) ed un enorme laboratorio! Ogni sorta di utensile da cucina, l'abbattitore, l'affumicatore, l'essiccatore... un piano di lavoro gigantesco e una quantità di attrezzi e materiali da far invidia ad un negozio di bricolage. Ecco... mi accontento di poco no? :)

Sono convinta che nella vita sia importante inseguire i propri sogni e, anche se so che quella a cui aspiro non sarà la vita che potrò permettermi di fare per sempre, un passo per volta sto cercando di raggiungere questo obiettivo: un giorno, idealmente, mi piacerebbe non dover più fare la spesa...

Nel frattempo, nei 52 mq del nostro appartamento, ci do dentro con il "fatto in casa"!

Forse, il settore dell'autoproduzione culinaria è quello che mi da più gratificazioni: far da se un prodotto che si è abituati ad acquistare tra le corsie del supermercato, permette innanzi tutto di sapere cosa stiamo mangiando, riduce poi l'impatto dei rifiuti sull'ambiente, eliminando gran parte degli imballaggi e, non meno importante, è un ottimo antistress (o almeno lo è per me).

 

Il primo regalo di Natale, che ho ricevuto da mio marito, è stata la macchina per la pasta. Ho pianto quel giorno! Amo fare la pasta, ma una decina di anni fa ho avuto un brutto incidente che mi ha reciso quattro tendini del polso destro e, usare il matterello e girare di continuo la manovella della "nonna papera", non è esattamente un piacere. Insieme alla macchina della pasta quindi, è arrivato anche il suo motore...che uomo mio marito! ^__^

 

Comunque, torniamo all'autoproduzione. Lo so, lo so: per fare la pasta fresca ci vuole tempo.... ma dedicandoci una mezza giornata, una volta al mese, con due chili di farina e 20 uova (meno di 10 euro di spesa), e la nonna come babysitter, vi assicuro che avrete pasta fatta in casa per 30 giorni (circa 25 porzioni da due persone).

 

 

La ricetta è semplice: per ogni etto di farina ci vuole un uovo (a temperatura ambiente) ed eventualmente un po' di acqua tiepida. Nella fontana di farina, aggiungo un uovo per volta ed eventualmente l'acqua se l'impasto è troppo secco. Impastati gli ingredienti, lascio riposare il tutto per una mezz'ora, avvolto nella pellicola e poi giù di nonna papera.

Passo l'impasto nella macchina (allo spessore maggiore) per diverse volte, ripiegandola su se stessa. Poi inizio a ridurre sempre più lo spessore, fino ad ottenere quello desiderato. Ed ecco pronte le sfoglie: le uso così come sono per realizzare le lasagne o la pasta ripiena (mezzelune, ravioli, tortelli ecc), oppure uso le trafile per ottenere pappardelle, tagliolini, tagliatelle ecc...

 

 

Dopo aver steso, tagliato, riempito e ripiegato arriva il momento di conservare (si, anche di pulire...) ^__^ Come conservo la pasta?

Tagliatelle e pasta lunga in genere si può far seccare all'aria, dopodiché la stendo nelle vaschette di carta e ci chiudo intorno un sacchetto per alimenti.

Le lasagne si rompono molto facilmente una volta seccate, quindi meglio cuocerle subito e prepararle, eventualmente poi congelarle pronte da cuocere.

La pasta ripiena la congelo: dispongo i ravioli o le mezze lune, distanziandoli tra loro, su un vassoio ed intervallo gli strati con la carta da forno, infilo nel congelatore ed una volta induriti, li divido in porzioni (10 a persona) e conservo nel sacchetti a chiusura ermetica in freezer. 

I ritagli di pasta avanzati e i pezzettini che si rompono nella fase di asciugatura, li trasformo in pasta per il minestrone: seccati all'aria e conservati in un sacchetto, sono pronti per tuffarsi nella pasta e fagioli! 

Altro metodo per conservare la pasta fresca è ovviamente l'essiccatore (altro regalo di natale del mio super marito). Lì potete preparavi anche i tortellini secchi per il brodo!

 

 

Ecco il risultato:

 

 

Gnam! Farsi la pasta in casa non è poi così complicato: provate per credere! ^____^

E prossimo acquisto (o regalo ;P) la trafila in bronzo per la pasta corta... forse mi servirà una cucina più grande...."AMOREEEEEEEEEEE....." HAHAHHA!!!

 

Contattami

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti